X Edizione del Premio Charlie Chaplin

Il 15 dicembre u.s. presso la Casa del Cinema a Roma si è tenuta la X edizione del Premio Charlie Chaplin, istituito nel 2006 dalla Libera Fondazione “Biblioteca del Cinema Umberto Barbaro” diretta da Mino Argentieri, organizzata in collaborazione con il Ministero per i beni e le attività culturali – Direzione Cinema; FICC – Federazione Italiana Circoli del Cinema.  Il premio è destinato a “personalità che nel campo della creazione artistica, della ricerca, degli studi, della pubblicistica e dell’organizzazione culturale che hanno dato un contributo al rinnovamento e allo sviluppo del cinema italiano”.

Per l’occasione anche il Mark Film – sezione Cinema dell’Associazione Senza Frontiere Onlus, unica realtà dei Castelli Romani aderente alla FICC, ha partecipato all’evento con una rappresentanza del circolo. 

Luciano Saltarelli – Marco Tullio Giordana – Marco Asunis

La giuria di quest’anno, composta da Mino Argentieri, Anna Maria Calvelli, Giulio Angella, Gianfranco Cercone, Angelo Salvatori, Patrizia Masala, Angelo Tantaro e Marco Asunis, hanno conferito la Medaglia della Presidenza del Senato al regista Marco Tullio Giordana e la Medaglia della Presidenza della Camera dei Deputati al critico cinematografico Roberto Chiesi. La manifestazione  oltre alla consegna delle due Medaglie ai due candidati ritenuti dalla giuria più meritevoli per questa edizione, è proseguita con la proiezione di brevi sequenze e musiche tratte dai capolavori di Chaplin, la proiezione del film Lea di Marco Tullio Giordana e del cortometraggio Il labirinto dell’inferno di Salò di Roberto Chiesi.

Media Partner dell’evento la storica rivista  Diari di Cineclub fondata nel 1949 – periodico indipendente di cultura e informazione cinematografica

Breve Storia sul Premio

Sir Charles Spencer – “Charlie” – Chaplin nacque a Londra il 16 aprile 1889 e morì in Svizzera, a Corsier-sur-Vevey, luogo che lo ospitò nei suoi ultimi vent’anni, in esilio volontario dalla sua Patria e dove tuttora viene annualmente celebrata la sua memoria. Interprete e protagonista del XX secolo, fu autore, sceneggiatore, compositore, produttore, regista e attore. Nonostante il successo dei suoi quasi 100 film, visse un’esistenza non certo semplice, i cui riflessi seppe magistralmente proiettare sul grande schermo. Il famoso personaggio da lui vestito era il vagabondo Charlot.

Nel 1950, a Roma, veniva costituito il Circolo di cultura cinematografica ‘Charlie Chaplin’, che operò sino al ’67. Educare al Cinema “invisibile”, emarginato o trascurato dalla distribuzione, anche per via della censura: questo era il suo intento, con I lunedì del Rialto, che proseguirono fino al ’74. Il primo Premio Charlie Chaplin – che era una magnifica statuetta ricoperta d’oro, realizzata dalle sapienti mani dell’indimenticato, poliedrico e virtuoso artista, Fausto Cartocci – venne consegnato nel 1957 a Federico Fellini per il poetico e commovente Le notti di Cabiria. Fra i maestri del nostro Cinema, lo ricevettero poi, nel ’60, Luchino Visconti per Rocco e i suoi fratelli e, nel ’61, Michelangelo Antonioni per La notte: tutti lavori coraggiosi, specie rispetto alle convenzioni sociali di allora. Nel 1962, nacque anche la Libera Fondazione Culturale Biblioteca del Cinema ‘Umberto Barbaro‘, nella sua prima sede presso il Palazzo delle Esposizioni.

Il Premio “Chaplin” riportato in auge nel 2006, per iniziativa della rinomata rivista Cinemasessanta e della Biblioteca ‘Umberto Barbaro’, grazie innanzitutto alla sua autorevole e stimata Presidente, prof.ssa Anna Maria Calvelli e a Mino Argentieri, eminente storico, critico e pilastro della Settima Arte.